Quotes by Friedrich Nietzsche

118 quotes found  
Un pensiero viene quando vuole "lui", non quando voglio "io".
Ein Gedanke kommt, wenn »er« will, und nicht wenn »ich« will.
Che la psicologia sia nuovamente riconosciuta signora delle scienze, al servizio e alla preparazione della quale è destinata l’esistenza delle altre scienze. La psicologia infatti è ormai di nuovo la strada per i problemi fondamentali.
Occorre sbarazzarsi del cattivo gusto di voler andare d'accordo con tutti. Le cose grandi ai grandi. gli abissi ai profondi, le finezze ai sottili, le rarità ai rari.
Il mezzo migliore per cominciare bene ogni giornata è: svegliandosi pensare se non si possa in questa giornata procurare una gioia almeno a una persona. Se ciò potesse valere come un sostitutivo dell'abitudine religiosa della preghiera, il prossimo trarrebbe vantaggio da questo cambiamento.
Was ist Glück? – Das Gefühl davon, dass die Macht wächst, dass ein Widerstand überwunden wird. Nicht Zufriedenheit, sondern mehr Macht; nicht Friede überhaupt, sondern Krieg; nicht Tugend, sondern Tüchtigkeit.
Si chiama spirito libero colui che pensa diversamente da come, in base alla sua origine, al suo ambiente, al suo stato e ufficio o in base alle opinioni dominanti del tempo, ci si aspetterebbe che egli pensasse. Egli è l'eccezione, gli spiriti vincolati sono la regola.
Non esiste nulla all'infuori del Tutto.
Il prete asceta deve essere considerato da noi come il predestinato salvatore, pastore e difensore del gregge malato: solo così comprendiamo la sua enorme missione storica. Il dominio sui sofferenti è il suo regno, a esso lo rinvia il suo istinto, in esso possiede la sua vera arte, la sua maestria, la sua specie di felicità. Deve essere lui stesso malato, deve essere fondamentalmente affine ai malati e ai tarati per comprenderli – per intendersi con loro; ma deve anche essere forte, ancor più padrone di sé che di altri, particolarmente indenne nella sua volontà di potenza, per poter essere per costoro appoggio, resistenza, puntello, costrizione, correttore, tiranno, dio.
Per questo me ne vado nella solitudine – per non bere nelle cisterne di tutti. In mezzo a molti io vivo come molti e non penso con il mio io: dopo qualche tempo mi accade sempre, come se mi si volesse esiliare da me stesso e derubare l'anima – e me la prendo con tutti e temo tutti. Il deserto mi è allora necessario per ridiventare buono.
Ogni comunità rende in qualche modo, in qualche cosa, in qualche momento «volgari».
La coscienza è l'ultimo e più tardo sviluppo dell'organico e di conseguenza anche il più incompiuto e il più depotenziato... Si pensa che qui sia il nocciolo dell'essere umano: ciò che di esso è durevole, eterno, ultimo, assolutamente originario! Si considera la coscienza come una stabile grandezza data! Si negano il suo sviluppo, le sue intermittenze! la si intende come unità dell'organismo! Questa ridicola sopravvalutazione, questo travisamento della coscienza hanno come corollario un grande vantaggio, consistente nel fatto che con ciò è stato impedito un troppo celere perfezionarsi della medesima. Perché gli uomini ritenevano di possedere già la coscienza, si sono dati scarsa premura per acquistarla, e anche oggi le cose non stanno diversamente!
Diventa ciò che sei!
Odio coloro che mi tolgono la solitudine senza farmi compagnia.
E' mia ambizione dire in dieci frasi ciò che altri dicono in un libro intero.
Chi sa di essere profondo, si sforza di esser chiaro. Chi vuole apparire profondo, si sforza di esser oscuro. Perché la gente considera profondo ciò di cui non riesce a vedere il fondo. Ha paura e non si immerge volentieri nell'acqua.
Tief sein und tief scheinen. – Wer sich tief weiß, bemüht sich um Klarheit; wer der Menge tief scheinen möchte, bemüht sich um Dunkelheit. Denn die Menge hält alles für tief, dessen Grund sie nicht sehen kann: sie ist so furchtsam und geht so ungern ins Wasser.
Le parole ci impediscono il cammino. Ovunque i primitivi stabilivano una parola, credevano di avere fatto una scoperta. Ma come diversamente stavano le cose, in verità! Essi avevano toccato un problema e, illudendosi di averlo risolto, avevano creato un ostacolo alla sua risoluzione. Oggi, ad ogni conoscenza, si deve inciampare in parole dure come sassi, eternizzate, e invece di rompere una parola ci si romperà una gamba.
L'aforisma, la sentenza, in cui io sono il primo dei maestri tedeschi, sono le forme dell''eternità', la mia ambizione è quella di dire in dieci proposizioni quel che ogni altro dice in un libro – quel che ogni altro non dice in un libro...
Ho sempre messo nei miei scritti tutta la mia vita e tutta la mia persona. (...) Ignoro cosa possano essere i problemi puramente intellettuali.
Grazie alla sicura prospettiva della morte si potrebbe mescolare a ogni vita una preziosa e profumata goccia di leggerezza – e invece voi, stravaganti anime di farmacisti, ne avete fatto una goccia di veleno di pessimo sapore, per la quale tutta la vita diventa rivoltante.
Occorre sbarazzarsi del cattivo gusto di voler andare d'accordo con tutti.
Il comandare fa piacere come l’obbedire, la prima cosa quando non è ancora diventata un’abitudine, la seconda invece quando è diventata un’abitudine. Vecchi servitori sotto nuovi comandanti si incoraggiano reciprocamente nel farsi piacere.
Ognuno vuole la stessa cosa, ognuno è uguale: chi sente in modo diverso, entra spontaneamente in manicomio.
Non voler offendere nessuno, non voler nuocere a nessuno può indicare sia una mentalità giusta, sia una mentalità pavida.
Spesso, nei rapporti con gli uomini, è necessario fingere benevolmente di non indovinare i motivi delle loro azioni.
La mediocrità è addirittura il primo requisito per l'esistenza delle eccezioni: una cultura elevata trova in essa la sua condizione. Quando l'uomo eccezionale tratta i mediocri con più gentilezza di quanto non faccia con se stesso e con i suoi pari, non si tratta solo di gentilezza del cuore, ma semplicemente di un suo dovere.
E' difficile porre qualcuno in questa condizione di intrepida autoconoscenza, perché è impossibile insegnare l'amore: solo nell'amore infatti l'anima acquista, non solo quello sguardo chiaro, analizzatore e sprezzante per se stessa, ma anche quella brama di guardare oltre sé e cercare con tutte le energie un se stesso superiore, ancora nascosto da qualche parte.
Chi ha veri amici non sa cosa sia la vera solitudine, anche se tutto il mondo intorno a lui gli fosse ostile.
Non esiste una superficie veramente bella senza un'orrenda profondità.
Chi sono quelli che in ciò si riveleranno più forti? I più moderati, coloro che non hanno bisogno di alcun dogma estremo, quelli che non solo ammettono, ma amano una buona parte di caso, di non senso, quelli che possono pensare all’uomo riducendone notevolmente il valore, senza per ciò divenire piccoli e deboli: [...] uomini sicuri della loro potenza e che rappresentano con cosciente fierezza la raggiunta forza dell’uomo.
Una volta per tutte, io non voglio sapere molte cose. -- La saggezza traccia dei limiti anche alla conoscenza.
Quel che non mi uccide, mi rende più forte.
... l'uomo ... desidera gli effetti piacevoli, e atti a conservare la vita, della verità; verso la conoscenza pura, priva di conseguenze, egli è indifferente, ed ha addirittura un atteggiamento ostile verso le verità che possono essere dannose e distruttrici.
Tutto ciò che ci serve è una chimica delle idee morali, religiose ed estetiche e di tutti quegli impulsi che avvertiamo in noi nel grande e piccolo circolo della cultura e della società e perfino quando siamo soli con noi stessi.
Poco per volta mi è venuto in chiaro che cosa è stata finora ogni grande filosofia, cioè il confessarsi del suo autore; e una specie di mémoires non volute e improvvise… Nel filosofo non c'è assolutamente nulla d'impersonale; e in particolare la sua morale offre una testimonianza decisa e decisiva di chi egli è e cioè in quale ordine gerarchico si collocano gli uni rispetto agli altri gli impulsi più profondi della sua natura.
Chi sa di essere profondo, si sforza di esser chiaro. Chi vuole apparire profondo alla folla, si sforza di esser oscuro. Infatti la folla ritiene profondo tutto quel di cui non riesce a vedere il fondo.
Morire con fierezza, se non è più possibile vivere con fierezza.
Quando non si ha un buon padre, bisogna procurarsene uno.
Il letterato è sostanzialmente un attore che recita la parte dell'esperto.
Ciò che importa non è la vita eterna, ma l'eterna vivacità.
"Stato" si chiama il più freddo di tutti i mostri. E freddo anche nel mentire; e la menzogna ch'esce dalla sua bocca è questa: "lo, lo Stato, sono il popolo!"
Per vivere soli bisogna essere o un animale o un dio, dice Aristotele. Manca il terzo caso: bisogna essere l'uno e l'altro, un filosofo.
La predicazione della castità è istigazione pubblica alla contronatura. Ogni disprezzo della vita sessuale, ogni contaminazione della medesima mediante il concetto di "impuro" è il vero e proprio peccato contro il sacro spirito della vita.
Il delittuoso dell'essere cristiani aumenta nella misura in cui ci si avvicina alla scienza.
Viziosa è ogni specie di contronatura. La più viziosa specie d'uomo è il prete: egli insegna la contronatura.
Che altro sono ancora queste chiese, se non le fosse e i sepolcri di Dio?
Quel che si fa per amore, è sempre al di là del bene e del male.
Chi disprezza se stesso, continua pur sempre ad apprezzarsi come disprezzatore.
Che cos'è il sigillo della raggiunta libertà? Non provare più vergogna davanti a sé stessi.
Che cos'è per te la cosa più umana? Risparmiare vergogna a qualcuno.
Che cosa dice la tua coscienza? Devi diventare quello che sei.
Ogni parola è un pregiudizio.
Che cos'è il genio? Volere un alto fine e i mezzi per esso.
Quel che noi facciamo non è mai compreso, ma sempre soltanto lodato e biasimato.
Il prendere parte alla gioia, non il prender parte al dolore, fa l'amico.
Le convinzioni sono nemici della verità più pericolosi delle menzogne.
Contro la malattia maschile del disprezzo di sé giova nel modo più sicuro l'essere amati da una donna intelligente.
Ciò che si fa per amore è sempre al di là del bene e del male.
Tutti vogliono le stesse cose, tutti sono uguali: chi sente diversamente va da sè al manicomio.
La esperanza es el peor de los males de los humanos, pues prolonga el tormento del hombre.
Nei singoli la follia è una rarità: ma nei gruppi, nei partiti, nei popoli, nelle epoche è la regola. 
Tutti gli uomini, in tutte le epoche, e ancora oggi, si dividono in schiavi e liberi; perché chi non dispone di due terzi della sua giornata è uno schiavo, qualunque cosa sia per il resto: uomo di stato, commerciante, impiegato statale, studioso. 
It is nobler to declare oneself wrong than to insist on being right - especially when one is right.
Da quando fui stanco di cercare / imparai a trovare
Depuis que je suis fatigué de chercher / J'ai appris à trouver.
In truth, there was only one Christian, and he died on the cross.
Se entri mi fai onore; se non entri, un piacere
Chiunque abbia una volta dichiarato che l'altro è uno stupido, un cattivo compagno, si arrabbia se quello dimostra alla fine di non esserlo.
Chi considera gli uomini come un gregge e fugge da loro il più velocemente possibile, ne sarà certamente raggiunto e preso a cornate.
The individual has always had to struggle to keep from being overwhelmed by the tribe. If you try it, you will be lonely often, and sometimes frightened. But no price is too high to pay for the privilege of owning yourself.
Morality is the herd-instinct in the individual.
L'uomo è più sensibile al disprezzo degli altri che a quello di se stesso.
Dove la moralità è troppo forte, l'intelletto perisce.
I cannot believe in a God who wants to be praised all the time. 
It is my ambition to say in ten sentences what others say in a whole book.
Le spiegazioni mistiche passano per profonde: la verità è che non sono nemmeno superficiali.
Che cos'è la felicità? La sensazione che la potenza cresce, che si sta superando una resistenza. 
In individuals madness is a rarity, but in groups, parties, peoples it is the rule.
La scienza non può dimostrare né che tutti gli uomini sono eguali né che il comportarsi secondo questo principio sia alla lunga utile.
Non la forza, ma la costanza di un alto sentimento fa gli uomini superiori. 
Non esistono fenomeni "morali", ma solo interpretazioni "morali" dei fenomeni.
Se una guerra si conclude disastrosamente, si domanda chi abbia "colpa" della guerra, se finisce con la vittoria, si esalta chi l'ha provocata. 
Only sick music makes money today.
Tutto quanto oggi noi chiamiamo immorale, è stato, in un tempo qualsiasi e in un luogo qualsiasi, morale.
Ridere significa essere maligni con tranquilla coscienza.
Le cose buone ci dispiacciono, quando non ne siamo all'altezza.
Più ci innalziamo e più sembriamo piccoli agli occhi di coloro che non sanno volare. 
Quando la virtù ha dormito, si alza più fresca.
Un po' di salute ogni tanto è il miglior rimedio per l'ammalato.
... intendono suscitare e moltiplicare quei bisogni che essi sono in grado di soddisfare.
Se uno ha molto da cacciarvi dentro, una giornata ha cento tasche.
I buoni scrittori hanno in comune due cose: preferiscono l'essere capiti all'essere ammirati; e non scrivono per i lettori aguzzi e troppo sottili.
I giovani amano l'interessante e lo strano, ed è loro indifferente che esso sia vero o falso.
Faith: not *wanting* to know what is true.
Woman was God's second mistake.
Si sbaglierà di rado se si ricondurranno le azioni estreme alla vanità, quelle mediocri all'abitudine e quelle meschine alla paura.
Il motto di spirito è l'epigramma sulla morte di un sentimento.
Il mio tempo non è ancora venuto. Alcuni nascono postumi.
There are no facts, only interpretations.
118 quotes found