Quotes by Bruno Cancellieri

855 quotes found  
8669L'unica cosa che si può rimproverare a Dio è di essere qualcos'altro.
9162Ogni tanto bisognerebbe far riposare l'io cosciente e stare a vedere cosa succede mentre lui riposa.
7053CONFUSIONE TIPICA
Ci sono persone che non sanno distinguere una critica da una manifestazione di disprezzo, arroganza, aggressività.
10138Esperienza, pensiero, coscienza ecc. non equivalgono a conoscenza perché le cose hanno infiniti aspetti nello spazio e nel tempo. Quando possiamo dunque dire di conoscere una cosa o una persona?
9773L'Uomo non ha bisogno di tecnologia, ma di certe cose che, in certi casi, possono essere ottenute più facilmente con l'aiuto di una tecnologia. Se la tecnologia diventa fine a se stessa e si dimenticano i bisogni che la tecnologia dovrebbe aiutarci a soddisfare, allora la società è malata.
9335Più vasta e profonda è la conoscenza dell'uomo, maggiore è la consapevolezza dell'ignoranza propria e altrui.
7645Il desiderio fondamentale di ogni essere umano è quello di essere desiderato dai suoi simili.
10004Cosa cerco dagli altri? Cosa cercano gli altri da me? Cosa cercano gli uni dagli altri? La soddisfazione dei propri bisogni.
6976COME ESSERE SIMPATICI Per essere simpatici bisogna avere il coraggio di mostrare le proprie fragilità, non indossare corazze e non mostrare risentimento per chi è più forte. E se uno non ha fragilità dovrebbe fingere di averne.
9210Uno degli errori più comuni che facciamo è sbagliare nel valutare il grado di complessità di un problema.
7413Siamo talmente abituati a considerare la banalità una qualità disprezzabile che non ci accorgiamo che molte cose che rendono dolce o sopportabile la vita sono banali. E poi ci sono banalità che nascondono significati profondi. Dovremmo imparare a guardare le banalità senza pregiudizi e senza preemozioni.
8644La sera, prima di addormentarmi, sto prendendo l'abitudine di chiedermi: "cosa è cambiato oggi in me o intorno a me? Chi ha voluto e causato questi cambiamenti? Cosa ho fatto affinché avvenissero o non avvenissero? Cosa ho cercato di cambiare o non cambiare in me e intorno a me?"
6398Un genio sa di essere un genio? Ovviamente sì, altrimenti non sarebbe un genio. Allora se penso di essere un genio non si può escludere che io lo sia veramente.
10173Non ti dico cosa penso di te, lo lascio alla tua immaginazione, che comunque non lo indovinerà e mi attribuirà pensieri e intenzioni non miei. Se ti dicessi cosa penso di te non saresti comunque d'accordo e sarebbe inutile discuterne.
9271Un modo per dissentire diplomaticamente e assertivamente evitando di offendere l'interlocutore e di continuare un dibattito divenuto sterile: "Ho compreso il tuo punto di vista anche se diverso dal mio. Grazie."
7155Uno medium pornografico (foto, film, spettacolo ecc.) è come un'opera d'arte: stimola la fantasia e provoca sentimenti. Un certo tipo di fantasia e un certo tipo di sentimenti che qualcuno considera antisociali e per questo vorrebbe proibire.
9653Non pensare è meglio che pensare in modo sbagliato o nocivo, ma pensare in modo più giusto e più utile è meglio che pensare di meno.
7600Più una persona prende sul serio una religione, cioè cerca di applicarne i precetti (così come espressi nelle sacre scritture) in modo rigoroso, e più essa è socialmente pericolosa. Per esempio, se dovessimo fare quello che Dio, nel Vecchio Testamento, ci chiede di fare, dovremmo uccidere tutti gli uomini che hanno rapporti omosessuali. Infatti in certi paesi mussulmani lo fanno davvero e anche nella civilissima Europa (Italia, Germania ecc.) fino agli anni 60-70 gli omosessuali venivano incarcerati.
9955Trovo difficile, spesso impossibile, vivere e al tempo stesso analizzare la mia vita e ciò che sto facendo.
7383La vita è un conflitto di interessi e di alleanze.
7063L'Uomo ordinario dice: noi siamo buoni, gli altri cattivi. L'Uomo straordinario dice: noi siamo cattivi come gli altri. L'Uomo ordinario dice: nessuno ha il diritto di criticarmi. L'Uomo straordinario dice: criticatemi, perché le vostre critiche mi aiuteranno a migliorare.
5490La morte ci fa paura, o ci attrae, anche perché ci rende tutti uguali.
9655Nietzsche mi ha insegnato a pensare in modo libero e critico, a sospettare di tutto e tutti, a cominciare da me stesso.
6132Scrivere i propri pensieri è prepararsi a dirli a qualcuno che incontreremo.
7630La ragione obbedisce ai sentimenti senza accorgersene e si illude che i sentimenti le obbediscano.
7892Scampato all'indottrinamento studio gli indottrinati.
8663Spesso quello che chiamiamo falsità non è altro che una verità incompleta, insufficiente, inefficace, insoddisfacente.
3250It is stupid to blame a stupid person for not being more intelligent.
7725CONFUSIONE TRA SPIRITO E INCONSCIO
Ciò che molti chiamano spirito consiste in fenomeni neurologici inconsci che danno luogo a particolari motivazioni e sentimenti involontari. Chi non riconosce l'esistenza di un'attività neurologica inconscia ed ha avuto un'educazione religiosa, tende a spiegare i fenomeni motivazionali e sentimentali involontari o irrazionali usando termini e concetti spiritualisti.
5823Non permettere al tuo passato di disturbare il tuo presente. Se occorre, disseppellisci il passato, riorganizzalo e poi seppelliscilo di nuovo.
7065Accusare qualcuno di violenza è un atto di violenza che chiama altra violenza.
7071DISPREZZARE VS. CRITICARE
Ci sono persone che non criticano mai, ma disprezzano. Disprezzare è molto più facile che criticare, anche i più sprovveduti sono in grado di farlo. Per criticare ci vogliono argomenti logici, prove, fatti, conoscenze, competenze, capacità di ragionare e discutere, un certo grado di razionalità e così, quando se ne siamo sprovvisti, preferiamo disprezzare, anziché criticare, le persone che ci danno fastidio o ci inquietano.
6127Ognuno è il centro dell'universo.
6105I mezzi giustificano il fine.
10023Violenza: fare qualcosa a una persona al di fuori di un gioco convenuto con essa.
8828L'Uomo è un sistema di agenti fisici e mentali, la società è un sistema di esseri umani, dunque un sistema di sistemi. L'unica cosa che resta per me un mistero è l'esistenza del sentimento, cioè del piacere e del dolore, il suo inizio e la sua fine, il suo legame con la vita di ogni essere capace di godere e di soffrire.
6709Se voglio parlare col mio gatto, devo usare il suo vocabolario, non il mio.
5884Non ci vuole molto ingegno ad essere normali.
7059SULLA FALSA AUTOSTIMA
Ci sono persone la cui autostima dipende totalmente dai giudizi, apprezzamenti e attenzioni da parte delle persone che le circondano. In realtà queste persone non hanno una vera autostima e basta poco per deprimerle o farle sentire offese. Basta una critica, una mancanza di attenzione per scatenare la loro rabbia o disperazione. La vera autostima non può venire dagli altri, ma da se stessi, dalla propria visione di sé e del mondo, dai propri principi intellettuali ed etici, che dovrebbero essere basati su una cultura aperta e universale più che sulle esperienze fatte con le particolari persone che la sorte ci ha fatto incontrare.
7336Nessuno ha il diritto di non soffrire e di non morire. Facciamocene una ragione.
10155Per me le cose non sono mai buone o cattive in assoluto, ma più o meno utili a qualcuno in un certo momento della sua vita.
6840Molti credono non perché vedono o capiscono, ma perché hanno bisogno di credere o paura di non credere.
10146Una psicoterapia è efficace nella misura in cui riesce a cambiare le risposte cognitivo-emotive del soggetto alle diverse situazioni, rendendo tali risposte più adatte alla soddisfazione dei bisogni propri e altrui.
6074Siamo tutti matti ma pochi lo sanno.
9662Ognuno se la racconta a gusto suo.
6761Non c'è nulla di più noioso che le risposte senza domande.
8886Ognuno ha ragione dal suo punto di vista ed entro i limiti della sua percezione.
8394Chi accusa una persona di essere ignorante senza poterlo dimostrare, è un ignorante.
9999Io sono un sistema consapevole di esserlo e posso scegliere (volontariamente o involontariamente) dove stare, andare, guardare, cosa ascoltare, leggere, cercare, chiedere, offrire, fare, dire, pensare, con chi/cosa, quando, dove e in che modo interagire per soddisfare i miei bisogni e quelli altrui.
6952Non siamo tutti uguali. Ci sono quelli che si fanno ammazzare per difendere un'idea e quelli che cambiano idea per qualche soldo in più.
7152UN MONDO DI BISOGNI
Il mondo è pieno di portatori di bisogni, per soddisfare i quali ogni portatore ha bisogno della collaborazione di altri portatori.
6834L'ORIGINE DELLE RELIGIONI
Nell'evoluzione della nostra specie, siamo arrivati ad un punto che abbiamo capito che prima o poi saremmo morti. E' stato l'inizio dell'angoscia esistenziale, per neutralizzare la quale ci siamo inventati, credendoci, delle storie che ci dessero l'illusione dell'immortalità: le religioni.
9669Così come l'organismo distrugge i neuroni inutilizzati, la psiche rimuove i bisogni la cui continua frustrazione è eccessivamente dolorosa.
7398NICHILISTA ATTIVO
Mi considero un nichilista attivo in quanto cerco di dare un senso, con la mia vita e il mio pensare, a ciò che non lo ha. Infatti, nulla ha senso in sé o a priori e tanto meno un senso oggettivo. Il senso alle cose dobbiamo inventarlo e darlo noi umani vivendolo, ognuno secondo la propria natura. Camus docet.
7992L'arma vincente di ogni ciarlatano consiste nell'inserire qualche perla d'incontestabile verità e saggezza tra le falsità e le fantasie. Lo stesso vale per le sacre scritture di molte religioni.
7374Smettere di dare è come togliere.
7575La parola "virtù" è per molti obsoleta, specialmente per quanto riguarda l'etica e l'intelletto. Le persone che cercano di essere più virtuose sono sempre meno e viste con fastidio o sospetto dai più. Cercare di essere virtuosi viene spesso percepito come cercare morbosamente di superare gli altri, mentre il vero virtuoso cerca di superare solo sé stesso. Non è colpa sua, se, cercando di superare se stesso, supera involontariamente qualcun altro, ma ciò non gli viene perdonato dalle persone superate. A pochi viene in mente che il perseguimento delle virtù possa essere un bisogno sano e una fonte di piacere. Perciò al virtuoso conviene nascondere le proprie virtù a coloro che non le sopportano. In questo modo ridurrà il rischio di essere considerato presuntuoso, arrogante, saccente, narcisista, represso, nevrotico, rigido, giudicante, troppo severo ed esigente con sé stesso e gli altri, ecc.
8042Il problema dell'Uomo è l'Uomo, la natura umana è un problema in sé, per sé e per l'ambiente naturale.
9810È inutile essere intelligenti se non si usa l'intelligenza per soddisfare i bisogni priori o altrui.
6139La vita è una metafora del teatro.
4643L'uomo è fondamentalmente infelice perché è una bestia a cui non è consentito comportarsi come tale.
9132Un analfabeta funzionale non è in grado di capire cosa sia l'analfabetismo funzionale.
7636Ci sono persone che starebbero bene se non avessero paura di star male.
6832Meglio rispondere in modo imperfetto a domande importanti che rispondere perfettamente a domande non importanti.
9826La felicità non è la libertà dai bisogni, ma avere bisogni e la possibilità di soddisfarli.
6613A chi ha avuto un passato difficile e un presente deludente non resta che la nostalgia del futuro.
9940Il tabù delle differenze umane è talmente forte che distinguere un saggio da uno stolto viene da molti qualificato come razzismo.
6587Il male è normale. Messaggio per chi cerca di essere normale.
6836Più si è stupidi e meno si è consapevoli di esserlo.
5952Chi non condanna il male ne è complice.
7649Non esiste il vero e il falso, il buono e il cattivo, ma il soddisfacente e l'insoddisfacente.
10143Coloro che non hanno capito nulla di un certo fenomeno sono meno dannosi di quelli che, avendone capito una parte, credono di averlo capito tutto.
7635Un computer nel nostro inconscio decide le nostre emozioni e motivazioni di attrazione e repulsione rispetto ad ogni cosa, persona, idea o ricordo. Il nostro libero arbitrio decide se assecondare o resistere a tali emozioni. Un altro computer nel nostro inconscio decide a cosa dobbiamo pensare in ogni particolare situazione. Il nostro libero arbitrio decide se assecondare quel flusso involontario di pensieri o resistere ad esso. Insomma., il nostro libero arbitrio non può prendere iniziative, ma solo reagire alle iniziative dell'inconscio scegliendo di obbedire o resistere (cioè disobbedire) ad esse.
9770Posso sperare di vivere una vita migliore di quella di miliardi di altre persone del passato o del presente? A parte la fortuna (e le ingiustizie che da essa dipendono), cosa potrebbe rendere la mia vita migliore (ovvero più piacevole da vivere) di tante altre?
9255Abbiamo bisogno che qualcuno abbia bisogno di noi.
9212Il principe Siddharta, prima di fondare il buddismo, abbandonò moglie e figlio. L'etica, anche nelle religioni, è molto relativa.
6702Il sesso, per l'uomo è un fine, per la donna un mezzo. Per l'uomo è la felice conclusione di un percorso pieno di speranze, per la donna il felice inizio di un percorso pieno di speranze.
9338Dobbiamo decidere se vogliamo che la nostra psiche sia un campo di battaglia con morti, feriti e prigionieri, o un tavolo di negoziazione.
7390Siamo tutti pazienti psichiatrici, nel senso che soffriamo per motivi mentali, anche se non ci rivolgiamo ad un terapeuta.
9780La gente, incapace di affrontare i problemi generali dell'umanità, si occupa di quelli particolari.
8389È normale essere anomali.
9341Più una persona cresce moralmente e intellettualmente, più aumenta la sua differenza rispetto a coloro che non crescono nella stessa misura. Per questo molti, che desiderano soprattutto essere normali, rinunciano a crescere.
8059Non dobbiamo chiedere ai politici di essere onesti (una pia illusione) ma agli onesti di occuparsi di politica dopo aver dimostrato di esserne capaci. Finché gli onesti si tengono fuori dalla politica limitandosi ad inveire contro i politici disonesti, questi continueranno indisturbati a fare i loro giochi.
6128L'arte di vivere consiste nel conciliare il bisogno di appartenenza e quello di libertà.
7895La filosofia serve a combattere la cattiva filosofia.
9984Chi non fa nulla per migliorare la società è corresponsabile dello stato in cui essa si trova.
7574Perché mi sento sono solo? Perché mi sento incompreso, anzi, malinteso. In questo non credo di essere solo.
10141Il comportamento di una persona è, parzialmente, causa ed effetto del comportamento delle persone con cui interagisce.
10170Anche io sono complottista e indignato e denuncio il complotto internazionale degli ignoranti e degli stupidi uniti contro chi è più intelligente e sapiente di loro.
10020Chi sono? Un uomo che cerca di capire come funziona.
9254Tu ed io. Come ti vedo e ti tratto. Come mi vedi e mi tratti. Che bisogno ho di te? Che bisogno hai di me? Che paura ho di te? Che paura hai di me? Cosa ci facciamo, diciamo e chiediamo?
7066Criticare o non criticare, questo è il dilemma. Perché se critico mi faccio odiare da tutti quelli che direttamente o indirettamente sono toccati dalle mie critiche; se non critico sono complice di tutte le stupidità e malvagità di cui io e i miei simili siamo capaci.
7351Ognuno avrebbe ragione se la realtà fosse semplice come ciascuno la vede.
7090DOMANDE FONDAMENTALI
Che posto/ruolo/funzione/valore ho io nelle visioni del mondo degli altri, a cominciare da quelle dei miei familiari, amici e collaboratori? E che posti/ruoli/funzioni/valori hanno gli altri nella mia visione del mondo?
9658Quando siamo in disaccordo con qualcuno, abbiamo bisogno di credere che l'altro sia in errore, perché altrimenti saremmo noi a sbagliare, cosa insopportabile e inquietante.
6585La percezione è sempre contestuale. C'è un contesto di riferimento interiore inconscio rispetto al quale ciò che percepiamo acquista significato e valore. Per migliorare il modo di percepire bisogna migliorare il contesto di riferimento.
7828Conosciamo i nostri bisogni attraverso il piacere e il dolore che proviamo quando vengono, rispettivamente, soddisfatti e insoddisfatti.
7375CONCILIARE GLI OPPOSTI
La psiche è piena di categorie opposte, contrastanti, dissonanti, antagoniste, mutualmente esclusive. Quanto più si riesce a conciliare gli opposti, tanto più si è liberi, forti, produttivi, sani e sereni.
9711Amo ciò che mi serve e servo ciò che amo.
7567Cio che penso dell'altro determina quello che l'altro pensa di me, e ciò che l'altro pensa di me determina ciò che penso dell'altro. Sono circoli che possono essere virtuosi o viziosi.
855 quotes found